Che cos’è un alimento naturale?

20160823_134714
Un alimento naturale, innanzitutto, è un alimento integrale: si presenta come in natura, completo di tutte le parti commestibili. Sono alimenti integrali la frutta e le verdure fresche, i legumi, i cereali integrali (completi di crusca e di germe), il sale marino integrale, l’uovo, la frutta oleosa (noci, nocciole, mandorle…) ecc.
Questi alimenti possono essere mangiati e assimilati dall’organismo con poche e semplici manipolazioni (per esempio la cottura con acqua) oppure crudi.
Gli alimenti non naturali, invece, sono spesso impoveriti di vitamine, di Sali minerali, di fibre grezze, di enzimi, di flora batterica a causa delle manipolazioni che subiscono per la loro preparazione ed il loro confezionamento. Sono alimenti non naturali per esempio la farina bianca (tipo 00), i legumi in scatola, la frutta sciroppata e tutti i cibi che sono in genere prodotti con questi ingredienti.
Aggiungere della crusca alla farina raffinata non serve a ottenere una farina integrale: un prodotto naturale infatti è un insieme la cui azione nel nostro organismo è molto maggiore della somma delle attività di tutti i suoi elementi costitutivi.
Un prodotto naturale, poi, deve anche provenire da coltivazioni biologiche.
L’agricoltura biologica si caratterizza per l’impiego di concimi organici e di preparazioni naturali (decotti e macerati di erbe, alghe e minerali polverizzati…) al posto dei concimi chimici, dei diserbanti e degli anticrittogamici, tutte sostanze tossiche per l’organismo. Anche i prodotti animali (carne, latte e derivati, uova, miele) possono essere ottenuti con metodi biologici: escludendo forzature nella crescita (ottenute attraverso la somministrazione di ormoni) e anche l’eccessiva somministrazione di farmaci.
Gli agricoltori che hanno superato il sistema “chimico” e che hanno introdotto nel loro lavoro quello biologico-biodinamico sono ormai numerosi.
I prodotti ottenuti con questi metodi garantiscono  la “pulizia” e la “ricchezza” di ciò che arriva sulle nostre tavole, e quindi anche la nostro salute, oltre che un più equilibrato impatto ambientale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *